Il Corriere della Sera, nelle sue pagine sportive, titola: "Il calcio discute a metà campo". Nella migliore delle ipotesi si potranno riprendere gli allenamenti a maggio, significa ripartire a porte chiuse a giugno e concludere la stagione a metà luglio. L’idea di sforare oltre il 30 giugno è una possibilità messa sul piatto dalla Figc. La Uefa ha dato la priorità ai campionati, da chiudere però entro il 15 luglio, per poi terminare le coppe nella seconda metà del mese estivo. L’altra ipotesi da non scartare è congelare la classifica e arrivare a uno stop definitivo. L’argomento in Lega Calcio viaggia di pari passo con il taglio degli stipendi. Non poter chiudere la stagione né ripartire con gli allenamenti significa avere la strada un po’ più libera, non certo in discesa, per decurtare gli ingaggi: di quanto è da stabilire in base alla ripresa o meno.

Sezione: Altre notizie / Data: Mer 25 Marzo 2020 alle 08:25
Autore: Alessandro Tedeschi
Vedi letture
Print