Il Bologna si arrende al Milan e al Dall'Ara la partita si chiude sul 2-3 per i rossoneri. Gli uomini di MIhajlovic, che ritorna in panchina, non rienscono ad essere incisivi per la maggior parte della gara, facendosi schiacciare dalle occasioni sfruttate dagli avversari. I rossoblù provano a riparire la partita troppo tardi, realizzando prima il rigore ottenuto da Orsolini e messo a segno da Sansone, poi riversandosi avanti in modo troppo disordinato e confusionario. Emilio De Leo, tecnico del Bologna, ha commentato a fine partita in conferenza stampa la prestazione dei felsinei. 

Eravate partiti bene. L'avete persa per i troppi errori tecnici o per quale motivo?
"Sicuramente abbiamo concesso troppi errori tecnici, al cospetto di una squadra con tanta qualità. Io credo che noi si sia provato a fare la nostra gara, siamo riusciti ad accorciare le distanze, poi siamo stati ingenui a prendere il terzo gol. Poi i ragazzi ci hanno provato a riprendere in mano la gara. Siamo partit ad handicap e non ce lo possiamo permettere"

Il cambio Schouten-Svamberg e cosa hanno dato gli altri cambi?
"Volevamo velocizzare il gioco. Svamberg ha qualità più offensive. Poi lui calcia bene dalla distanza e ha avuto delle chance. Gli ultimi due cambi: abbiamo recuperato Santander e Destro è quasi pronto. Orsolini, l'ha alternato con Skov Olsen. Credo che Skov ha provato a fare il massimo, anche per lui l'ambientamento non è facile e ci sta mettendo tanto impegno. Orsolini ha avuto un buon impatto e abbiamo poco da rimproverarci nei cambi"

Come si rimedia agli errori sui gol?
"Non sarei così estremo nel paragone tra questa stagione e quella passata. Stiamo lavorando e abbiamo delle cose da migliorare. Dobbiamo inculcare delle opzioni alternative e dobbiamo lavorare di più e meglio, come ha detto Sinisa a fine gara. Non cerchiamo alibi. L'atteggiamento nostro come staff e del gruppo è quello di chi sa cosa deve fare, ma vanno trovate delle alternative".

Sul battibecco Danilo-Poli
"Sinceramente non l'ho visto"

Sezione: Bologna / Data: Dom 8 Dicembre 2019 alle 23:45
Autore: Micol Malaguti
Vedi letture
Print