Dalle colonne de Il Secolo XIX il centrocampista Nenad Krsticic, al Bologna per sei mesi nel 2015, ha voluto mandare un messaggio al suo connazionale Sinisa Mihajlovic che lo ha allenato in Nazionale e alla Sampdoria: “So cosa si passa e so che tu sei più forte di lui. Ci ho tenuto a farmi sentire in quanto suo calciatore, suo estimatore e suo connazionale e come lui stesso ha detto, non sono certo stato l' unico ma visto quello che io stesso ho passato anni fa ho sentito che un mio cenno sarebbe stato importante. - continua Krsticic che a inizio carriera ha combattuto e vinto una battaglia simile - Gli ho semplicemente chiarito che conosco quell'avversario, per usare la metafora calcistica che ha usato lui in conferenza stampa l' altro giorno, e che so quanto è difficile affrontarlo. Ma so anche quanto è difficile affrontare lui che da una vita è un calciatore e poi un allenatore che non molla mai e difficilissimo da battere. Io so quanto conta la motivazione e la forza di volontà in questo tipo di battaglie e ho voluto confermargli ciò che l' ascolto delle sue parole mi ha trasmesso, ovvero la sensazione che lui sia più forte del male che deve battere”.

Sezione: Bologna / Data: Mer 17 Luglio 2019 alle 13:41
Autore: Tommaso Maschio
Vedi letture
Print