Finisce ai quarti di finale, in un caldo pomeriggio francese, l'avventura dell'Italia femminile ai Mondiali. Le campionesse d'Europa si dimostrano più forti alla distanza e nella ripresa sovrastano fisicamente le azzurre condannandole alla sconfitta: di Miedema e Van der Gragt - entrambe di testa - le reti che regalano all'Olanda la semifinale contro la vincente fra Germania e Svezia.

LE FORMAZIONI - La ct azzurra Bertolini lascia in panchina Girelli e schiera Valentina Giacinti come unica punta con Barbara Bonansea e Valentina Bergamaschi a supporto in un 4-5-1 che può trasformarsi in 4-3-3 in fase di possesso. In mezzo al campo torna titolare Aurora Galli. Difesa confermatissima rispetto alle ultime uscite. Le nostre avversarie recuperano in extremis Lieke Martens in attacco, con la calciatrice del Barcellona, che affiancherà Van de Sanden e il bomber Miedema. In difesa Van der Gragt la spunta su Dekker al fianco di Bloodworth. A centrocampo Van de Donk in regia con l'espertissima Spitse e Groenen mezzali.

ANDAMENTO LENTO E POCHE OCCASIONI - Ritmi bassi in avvio, anche per il grande caldo dovuto a un orario che non è piaciuto alle due ct, con l’Olanda che parte meglio sfruttando la velocità delle due ali e i raddoppi dei terzini, mentre l’Italia prova a chiudere tutti i varchi e pressare a tutto campo per poi lanciare lungo per sfruttare gli spunti di Giacinti. Zero occasioni da rete però nel primo quarto d’ora. La prima occasione arriva al 18° ed è per l’Italia con Bergamaschi che calcia debolmente da buona posizione dopo una sponda aerea di Bonansea: Van Veenendaal blocca senza problemi. L’Olanda risponde con Van de Donk – respinta due volte da Linari – e Miedema che però non fa male a Giuliani. Nel finale di primo tempo ci provano ancora Giacinti, conclusione a lato, e poi il duo Martens-Spitse che però calciano debolmente e centralmente senza creare problemi alla numero uno azzurra.

OLANDA ALL’ASSALTO - In avvio di ripresa le Oranjeleeuwinnen mostrano un altro piglio e nei primi 10 minuti cingono d’assedio la difesa azzurra con Miedema e Martens vicine al gol anche se sarebbe di Groenen l’occasione migliore, se la numero 14 decidesse di tirare in porta anziché provare un assist impossibile per una compagna. Al 58° poi Van de Donk spaventa l’Italia calciando a giro dal limite e colpendo una clamorosa traversa. Cinque minuti dopo è invece Spitse a spaventare le azzurre con una punizione dal limite che finisce di un soffio a lato.

LE ORANJE SI SBLOCCANO - Al 70° arriva il meritato vantaggio dell’Olanda con il centravanti Vivianne Miedema che anticipa tutte su un cross di Spitse su punizione e di testa gira alle spalle di Giuliani. Per la numero 9 è la terza rete contro l’Italia in due match. Dieci minuti dopo arriva anche il raddoppio, ancora di testa: cross della solita Spitse – questa volta dalla destra – e testata di Van der Gragt che da due passi batte Giuliani e gela l’Italia.

FINALE AMARO - L'Italia prova nel finale a trovare almeno la rete della bandiera, con Gama ultima ad arrendersi, ma non riesce a creare molto contro un'Olanda che bada a controllare e gestire le forze in vista della semifinale. Piangono le ragazze di Bertolini a fine gara, ma il loro cammino mondiale è solo da elogiare.

Il tabellino

Italia (4-4-2): Giuliani; Guagni, Linari, Gama, Bartoli (dal 45° Boattin); Bergamaschi (dal 75° Serurini), Giugliano,Galli, Cernoia; Bonansea (dal 55° Sabatino), Giacinti. A disposizione: Marchitelli, Pipitone, Tucceri, Fusetti, Rosucci, Parisi, Girelli, Tarenzi, Mauro. Ct Bertolini

Olanda (4-3-3): Van Veenendaal; Van Lunteren, Van der Gragt (dal 87° Dekker), Bloodworth, Van Dongen; Spitse, van de Donk, Groenen; Van de Sanden (dal 56° Beerensteyn), Miedema (dal 87° Roord), Martens 6. A disposizione: Kop, Geurts, Van Es, Pelova, R. Jansen, Kaagman, E. Jansen, Kerkdijk, Van der Most. Ct Wiegman

Arbitro: Claudia Umpiérrez (URU)

Marcatrici: 70° Miedema (O), 80° Van der Gragt (O)

Ammonite: 41° Linari (I), 67° Guagni (I), 73° Cernoia (I), 79° Sabatino (I)

Sezione: Calcio femminile / Data: Sab 29 Giugno 2019 alle 19:52 / Fonte: Tuttomercatoweb.com
Autore: Tommaso Maschio
Vedi letture
Print