Sepe 6 - Subisce tre gol ma non ha particolari colpe.

Darmian 7 - Si presenta al pubblico ducale con una discesa sulla fascia in cui salta tre uomini e si guadagna una buona punizione. Spinta costante sulla fascia, serve l’assist a Barillà. Il migliore dei suoi.

Iacoponi 6 - Simeone non crea grossi grattacapi e gioca una partita tranquilla . Dall’81’ Sprocati - SV

Bruno Alves 6 - Fa tremare il palo con una punizione pennellata. Segna il gol del 3-2 ma gli viene annullato per fuorigioco. Partita solida in marcatura.

Gagliolo 4.5 - Si perde Ceppitelli in occasione dello 0-2 e perde la palla sanguinosa che porta al 3-1 e chiude la partita.

Hernani 5.5 - Confusionario, cerca spesso la conclusione ma senza fortuna. Meglio nella ripresa quando prova ad appoggiarsi più sulla destra ma complessivamente gioca una gara insufficiente.

Brugman 5 - Un fantasma in regia. Tocca pochissimi palloni e non riesce a mettere in movimento gli attaccanti. Male anche in copertura dove sbaglia qualche appoggio di tropo. Dal 74’ Pezzella SV - Entra e il Parma subisce il gol del 3-1 mandando all’aria i piani tattici di D’Aversa.

Barillà 6 - Il gol rivaluta parzialmente una partita non trascendentale. Non è il solito Barillà tutta corsa e recuperi, ma in un centrocampo in difficoltà risulta essere il migliore.

Kulusevski 6.5 - L’intesa con Darmian sembra già buona, le occasioni più pericolose nascono sempre sulla sua fascia. Si prende il Parma sulle spalle nella ripresa e guida i compagni alla carica. Giocatore dalle mille sfaccettature.

Inglese 5 - Completamente avulso dal gioco, non si rende nemmeno protagonista delle sue specialità, la lotta contro i centrali e il far salire la squadra. Dal 74’ Cornelius 5.5 - Un quarto d’ora più recupero in cui non tocca molti palloni.

Gervinho 5 - Se lo scorso anno Parma-Cagliari fu teatro del suo genio, quest’oggi l’ivoriano delude. Mai in partita, spesso fuori dal gioco, si mangia anche un gol clamoroso in tap-in che avrebbe potuto cambiare il volto alla partita.

Sezione: Parma / Data: Dom 15 Settembre 2019 alle 17:35
Autore: Niccolò Pasta / Twitter: @NiccoPasta
Vedi letture
Print