Intervenuto ai microfoni dei giornalisti presenti, l'allenatore del Parma Roberto D'Aversa ha parlato così del ritiro di Prato allo Stelvio dopo la gara amichevole vinta contro il Maia Alta per 4-0: "In queste due settimane abbiamo lavorato molto bene. Purtroppo abbiamo avuto qualche acciacco, si sono fatti male Kucka ieri, ma è una cosa leggera, e Siligardi qualche giorno prima. Considerando che i carichi sono molto alti, i ragazzi hanno fatto molto bene".

Kulusevski e Karamoh sono stati provati un po' da ala e da mezz'ala:
"Sì ma più che guardare i ruoli, noi andiamo alla ricerca degli spazi. Kulusevski è un giocatore che può fare sia la mezz'ala che l'esterno, è un calciatore molto intelligente tatticamente. Karamoh come ruolo è un giocatore più lineare e ha una condizione fisica un po' diversa. Sono due giovani promesse che possono fare molto bene".

Arriverà un esterno di difesa?
"La società ha lavorato in maniera eccellente, mi ha dato a disposizione un gruppo in cui poter lavorare su dei meccanismi. Le voci di mercato ci sono, è chiaro che dovranno esserci delle scelte. Da parte mia ci sarà grande dispiacere per chi dovesse andar via, soprattutto per Jacopo Dezi che sta dimostrando di essere un grande professionista, dentro e soprattutto fuori dal campo. Meriterebbe anche di rimanere qui, poi ognuno fa le sue scelte, ma quest'anno mi sta stupendo".

Avete cambiato qualcosa nella preparazione rispetto all'anno scorso?
"Nel girone di ritorno bisogna considerare tante dinamiche, quando mancano giocatori come Inglese, Grassi e Gervinho ciò si fa sentire. La società sta operando anche in questo senso, speriamo che eventuali assenze non vadano a discapito del rendimento. L'anno scorso dopo la vittoria di Udine, anche inconsciamente, pensavamo di aver raggiunto il nostro obiettivo, ma questo ci servirà di lezione e devo dire che la rosa sta crescendo".

Occupare il campo, ma anche portare più uomini in area. In questo ritiro avete lavorato anche su questo:
"A livello offensivo, a parte qualche cambiamento, lo facevamo anche negli anni precedenti. Chiaramente stiamo cambiando qualcosa nel modo in cui arrivare in quella posizione. L'importante però è l'interpretazione e la convinzione dei ragazzi".

Questo implica la grande importanza negli schemi del Parma di Roberto Inglese:
"Roberto è un giocatore importante, lo cercavano tutti in Serie A. Sono felicissimo che sia qui, ma sono felice anche di avere Cornelius che è un ottimo giocatore. Fabio (Ceravolo, ndr) si sta riprendendo dopo un periodo di difficoltà. Questo comporta maggiore competizione positiva tra i ragazzi, che poi porta dei vantaggi nel momento in cui ci si allena durante la settimana, perché aumenta la qualità. Ciò è positivo anche per la partita della domenica".

Sezione: Parma / Data: Dom 21 Luglio 2019 alle 14:44 / Fonte: Sebastian Donzella
Autore: Giuseppe Emanuele Frisone
Vedi letture
Print