Queste le parole di De Zerbi in conferenza stampa al termine della vittoria contro il Bologna 3-1.

Era la partita che voleva?
"Oggi abbiamo avuto grande attenzione e grande partecipazione, voglia di arrivare al risultato. Sono contento. Possiamo fare meglio? Sì, con la gestione della palla ad esempio. Siamo stati a volte troppo frenetici. Vittoria meritata contro un avversario di valore".

Soddisfatto della prova di Locatelli?
"È un testone ma se sta bene e spinge gioca sempre perché la qualità che ha lui gli altri non ce l'hanno. Per questa squadra serve come il pane ma giocare dipenderà da lui".

Per l'ennesima volta ha espresso un calcio propositivo. Forse l'unico neo è il gol subito, cominciano ad essere troppi
"Però non ne abbiamo subiti tanti se l'Atalanta ne ha presi pochi di meno. Nella quota totale non siamo tanto diversi dalle altre squadre. In certe partite abbiamo subito mentalmente i gol subiti. Ci sono state reti evitabili, ma chiedendo ai centrali difensivi di essere aggressivi ci sta che arrivino degli errori".

Domanda di TMW: al di là dei gol quanto è contato il ritorno di Caputo?
"Lui è importante dentro e fuori dal campo. Dopo Lecce ci siamo fatti una bella chiacchierata, pensa che avrebbe potuto fare di più ma non è così. Ha fatto tanto per la squadra. Lui come gli altri giocatori nuovi si stanno inserendo, anch'io sto imparando a conoscerli".

Quanto ha influito la mossa di Traoré nella ripresa?
"Vedevo Djuricic che soffriva un po' il ritmo della partita e speravo che Traoré potesse incidere di più. Ha fatto bene ma può fare di più".

Condizione di Berardi?
"Ha un problema all'adduttore, il medico ha paura che ci sia una rottura muscolare. Dispiace perché è un giocatore che determina"

Le è piaciuto Kyriakopoulos?
"Molto. Oggi è stato uno dei migliori in campo, ha giocato con serenità e tranquillità sintomo di grande carattere".

Sezione: Sassuolo / Data: Sab 9 Novembre 2019 alle 00:18
Autore: Dario Ronzulli / Twitter: @DaRonz82
Vedi letture
Print