C'è l'intesa sul protocollo. Nessuna sorpresa nelle linee guida ufficializzate: via l’obbligo dei ritiri blindati, come aveva chiesto la Serie A. Poi massima attenzione ai controlli medici e al rispetto delle norme sanitarie. Ripartono le partitelle e il lavoro con la palla, ma sempre nel rispetto delle norme contenute nel protocollo. Il punto di Tuttosport sulle 4 emiliane Bologna, Parma, Sassuolo e SPAL.

BOLOGNA - Prosegue senza intoppi il lavoro del Bologna. I primi due giri di tamponi hanno certificato la negatività di tutta la squadra, in cui non sono mai stati segnalati contagiati dall’inizio dell’emergenza. La squadra dovrebbe iniziare lunedì allenamenti senza limitazioni, anche con partitelle di gruppo. I giocatori possono già fare da giovedì la doccia negli otto spogliatoi di Casteldebole, dove si cambiano al massimo in quattro in ogni spazio. Nel weekend terminerà la quarantena di legge per Danilo e Baldursson, rientrati due settimane fa dall’estero. L’intera rosa - compreso l’ultimo a rimettersi in moto Palacio - sarà così disponibile per Mihajlovic. 

PARMA - Sono due i giocatori attualmente in isolamento, risultati positivi al primo tampone e negativi al secondo. Sono in isolamento e nei prossimi giorni si sottoporranno a nuovi test. Il Parma, nel rispetto delle norme sulla privacy, non ha comunicato i loro nomi. Intanto da ieri la squadra al completo ha iniziato gli allenamenti collettivi nel rispetto del nuovo protocollo, sempre al Centro Sportivo di Collecchio, dove i ducali si sono ritrovati ad inizio settimana per il ritiro, dapprima obbligatorio e successivamente facoltativo. Il programma degli allenamenti prevede quasi sempre due sedute al giorno, mattino e pomeriggio.

SASSUOLO - Il Sassuolo non ha avuto atleti contagiati dal Covid 19: la società neroverde ha effettuato i tamponi, che sono risultati tutti negativi. Non ci sono stati nemmeno casi di calciatori stranieri che hanno lasciato l’Emilia per tornare nei paesi di provenienza, proprio per questo motivo non è stato necessario far fare periodi di quarantena prima della ripresa degli allenamenti individuali, ricominciati lunedì 4 maggio. Il Sassuolo sta continuando con allenamenti individuali, sia pure aumentando la frequenza di lavoro.

SPAL - Calciatori e staff tecnico della SPAL si sono sottoposti ad analisi mediche per stabilire se è in atto o c’è stato contagio da Coronavirus. Tutti i tesserati sono risultati negativi al Covid-19. Gli allenamenti proseguono in forma individuale sui campi del centro sportivo G.B. Fabbri di Ferrara, rispettando il distanziamento sociale. La Spal, alla luce dello stop al campionato fino al 13 giugno deciso dalla FIGC, ha preferito aspettare qualche altro giorno prima di dare il via libera agli allenamenti in gruppo. Intanto programma il futuro. Luigi Di Biagio ha incassato la fiducia del presidente Simone Colombarini e, a prescindere dalla categoria, guiderà ancora la SPAL, sempre alla ricerca di un direttore sportivo, dopo l’addio di Vagnati: Balzaretti, Bonato e Marchetti i profili seguiti.

Sezione: Altre notizie / Data: Sab 23 maggio 2020 alle 10:43
Autore: Antonio Parrotto / Twitter: @AntonioParr8
Vedi letture
Print