Nelle ultime settimane in Italia si è tanto parlato dei troppi rigori assegnati quest'anno a causa di un fallo di mano. Nicola Rizzoli, designatore arbitrale, in una lettera di risposta a La Gazzetta dello Sport, pubblicata nell'edizione odierna, si è così espresso sulla questione: "Un fallo di mano che impedisce ad un tiro di arrivare in porta o un cross di raggiungere l’interno dell’area di rigore deve avere una rilevanza calcistica diversa rispetto a un tocco tra braccio e pallone innocuo che sta uscendo dall’area di rigore. Le statistiche sulla tipologia dei falli di mano, infatti, danno questo conforto. Sui 50 rigori decretati in questa stagione: 30 puniscono un braccio/mano che ha intercettato un tiro o un cross; 8 un fallo di mano volontario, mentre i restanti 12 per contatti mano/pallone dovuti alla posizione delle braccia sopra le spalle o posizionate in modo innaturale aumentando lo spazio occupato dal corpo".

L'ex arbitro ammette dell'esistenza di un problema, ma prova a fare un ragionamento prendendo in considerazione varie prospettive: "Oggi, infatti, la regola - si legge ancora sulla Rosea - continua evidentemente a punire i falli volontari, ma stabilisce inoltre dei criteri di punibilità anche di ciò che non è volontario. Ci si poteva aspettare, quindi, un aumento dei calci di rigore ma non credo sia corretto imputare tutto al cambiamento della regola. [...] Il problema c’è. Sono convinto che vada affrontato tutti assieme. Esiste già un occasione di incontro tra arbitri, dirigenti, allenatori e capitani dalla quale onestamente mi sarei sempre aspettato qualcosa di diverso: proposte, idee per condividere tutti assieme una filosofia comune nelle interpretazioni delle regole. Capisco non sia facile, ma un confronto maggiore, partecipato e sereno aiuterebbe il sistema italiano a crescere maggiormente.

Sezione: Altre notizie / Data: Sab 18 luglio 2020 alle 10:53
Autore: Alessandro Tedeschi
Vedi letture
Print