Intervenuto in sala stampa al fianco di Emilio De Leo, l'olandese difensore del Bologna Stefano Denswil ha parlato del suo avvio di campionato e dell'impatto avuto con il calcio italiano. Nonostante la botta al piede rimediata contro il Milan, il difensore sarà in campo domani contro l'Atalanta per la sfida delle 15:00 allo stadio 'Dall'Ara'. 

Come stai fisicamente? E come ti trovi nel nuovo ruolo di terzino sinistro?
"Ho subito un colpo al piede durante la partita contro il Milan e sono stato fuori qualche giorno d'accordo con lo staff sanitario. Da due giorni mi alleno senza problemi. Per me giocare a sinistra non è una novità e non è un problema per me giocare lì".

Quali sono le difficoltà che hai incontrato fin qui?
"Per un difensore ci sono molte più cose da imparare dal punto di vista tattico e poi bisogna affrontare giocatori molto più forti. Nel Bruges lottavo per vincere il campionato e attaccavamo sempre, con il Bologna c'è un piano partita diverso".

Sei soddisfatto di quanto stai facendo a Bologna?
"All'inizio ti guardi intorno e cerchi di imparare da tutti. Ho incontrato delle difficoltà, lo so, anche per la lingua del calcio. Sto facendo del mio meglio ma sono comunque molto soddisfatto anche perché qui mi trovo bene".

Come vive un olandese a Bologna e nel calcio italiano?
"C'è pressione, si avverte anche perché se un difensore sbaglia è quasi gol ma se non la si sopporta si può sempre fare un altro lavoro. Ho deciso di venire in Italia anche per mettermi alla prova su questo e per crescere".

Sezione: Bologna / Data: Sab 14 dicembre 2019 alle 14:45
Autore: Micol Malaguti
Vedi letture
Print