Amad Traorè è da alcune settimane al centro della cronaca: nei giorni scorsi infatti si è parlato molto del suo futuro, che, adesso il condizionale è d'obbligo, dovrebbe essere con la maglia gialloblu. Tra Parma e Atalanta è praticamente tutto fatto, come conferma anche l'edizione odierna di Tuttosport, che dà il giovane ragazzo classe 2002 in procinto di passare alla corte di mister D'Aversa. Ma questa volta l'intoppo è arrivato non dal calciomercato ma dalla giustizia ordinaria: Amad, insieme al fratello Hames, centrocampista del Sassuolo, rischiano infatti una lunga squalifica. Ed il motivo è presto detto: la Procura di Parma ha chiuso un'indagine che ha portato all'accusa di "falso e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina", per il "padre in prestito" dei due fratelli. Una storia che ricorda quella di Eriberto, poi diventato Luciano, che aveva barato sull'identità: i due fratelli al momento sono stati ascoltati come persone informate sui fatti, e rischiano un lungo stop.

Sezione: Parma / Data: Sab 11 luglio 2020 alle 10:05
Autore: Alessandro Tedeschi
Vedi letture
Print