Marco Scianò, direttore generale del Piacenza, alla Gazzetta dello Sport ha commentato, dubbioso, la riapertura della Serie C: "Il protocollo è giusto, ma è impossibile chiedere le prestazioni esclusive dei dottori per effettuare costantemente test, tamponi e visite ai giocatori e a chi ruota attorno a loro. I medici dovrebbero sospendere le loro attività pubbliche per garantire il sostegno ai club. Reperire tamponi in Emilia Romagna è difficilissimo e giustamente ci sono in coda tantissime aziende che ne hanno fatto richiesta. O il sistema calcio risponde presente, o altrimenti è difficile riprendere l’attività sportiva organizzando il rispetto della salute".

Sezione: Serie C / Data: Sab 06 giugno 2020 alle 15:04
Autore: Sebastian Donzella
Vedi letture
Print