Luigi Di Biagio, allenatore della SPAL, ha così commentato la sconfitta interna contro l'Inter ai microfoni di DAZN: "Normale che stasera, per tanti motivi, avevi qualche stimolo in più. Peccato, perché come ho sentito dire abbiamo fatto un ottimo primo tempo, poi quando vai in svantaggio diventa tutto molto complicato".

Un gol poteva arrivare.
"Abbiamo colpito una traversa, c'è stato l'episodio del rigore... Se poi vai sotto diventa difficile, anche per la qualità dell'Inter, e rischi la goleada come stasera nonostante i ragazzi non la meritassero".

Come pensa di sviluppare il lavoro da qui alla fine? Cosa si aspetta?
"Di lavoro ce n'è poco, è tutto recupero: facciamo la lavagna in campo... Dobbiamo sistemare delle cose, la classifica è quella che è e ci serve l'orgoglio per non arrivare ultimi: questo è lo stimolo che ci impone di non arrenderci".

Com'è andata con Conte?
"Antonio è un amico, al di là di tutto. Avete visto l'episodio del rigore, e mi viene da ridere sentire che non fosse tale, perché così finisce il calcio. Comunque sì, abbiamo discusso ma sono cose di campo. Comunque, sapendo che c'è il VAR uno lì fischia rigore tutta la vita. Ho perso 4-0 ed è inutile parlare, ma quello era rigore netto e stop. E potrei fare una lista eh... Facciamo i bravi".

Sezione: SPAL / Data: Ven 17 luglio 2020 alle 09:55
Autore: Antonio Parrotto / Twitter: @AntonioParr8
Vedi letture
Print