Se si fa eccezione per la distrazione al retto femorale della coscia sinistra per il secondo portiere Karlo Letica, quella che si sta preparando per la ripresa del campionato di Serie A sarà una SPAL che potrà fare affidamento sull'intero gruppo al completo per affrontare il forcing finale che la separa da quella che sarebbe una miracolosa salvezza. A differenza della gestione Semplici infatti, che a larghi tratti è stata martoriata da sfortunati episodi e gravissimi infortuni, Di Biagio potrà contare sul fondamentale vantaggio di avere a sua disposizione una rosa molto più folta e completa del suo predecessore, grazie al pieno recupero degli acciaccati Fares, D'Alessandro, Di Francesco e Cerri, oltre che al ritorno in condizione di tutta la squadra, specialmente per ciò che riguarda i nuovi arrivati dalla finestra invernale del mercato come i vari Dabo, Castro e Bonifazi, apparsi giù di tono e fuori forma fisica. In più, seppur presumibilmente via video, è ipotizzabile che, nei mesi trascorsi senza allenarsi in via Copparo, l'ex commissario tecnico dell'Under 21 si sia impegnato nell'ampliare la propria conoscenza del gruppo, tastando il polso della situazione e cercando di far assimilare la propria idea tattica e di gioco a Petagna e compagni, che in vista del ritorno in campo sono chiamati a non commettere più passi falsi per evitare la retrocessione, cercando di ripartire con lo stesso piglio messo in campo nell'ultima vittoria contro il Parma. A questo proposito, se dal punto di vista del modulo si proseguirà con l'equilibrio e la copertura del 4-3-3, per quanto riguarda l'aspetto psicologico ed emotivo ci sarà da attendersi un netto cambio di rotta da parte degli estensi, che avranno il compito principale di portare a termine una missione delicata e abbastanza complicata, a patto che questi mesi siano serviti per capire le reali cause del penultimo posto in classifica. Insomma, nonostante manchino solamente dodici giornate alla fine e ai biancazzurri servano ben sette punti per uscire dalla zona rossa, per la SPAL si prospetta un ritorno al calcio giocato tutto da scrivere, caratterizzato da aspettative che ancora lasciano un briciolo di speranza, con l'obiettivo principale che rimane quello di poter ambire nuovamente a una salvezza che avrebbe il sapere di una storica impresa calcistica.

Sezione: SPAL / Data: Mar 02 giugno 2020 alle 16:22 / Fonte: Inviato a Ferrara
Autore: Davide Soattin / Twitter: @SoattinDavide
Vedi letture
Print